copertina

 

Formato: 14,8 x 21 cm

Peso: 0,373 kg

Legatura: filorefe 

Anno di edizione: 2017 

Pagine: 140

Prezzo: € 25,50

L’impero achemenide, di cui Ciro, Dario e Serse furono i massimi esponenti, rappresentò il culmine della civiltà mondiale dell’epoca, equiparabile per importanza alle successive culture dell’antica Grecia e di Roma. Persepolis, con i suoi palazzi e le raffigurazioni delle satrapie in processione, ne rappresenta la testimonianza più grande.

 

La cultura dell’antica civiltà dell’Iran, e in special modo quella espressa dagli Achemenidi, dai Parti e dai Sasanidi, insieme a quella dell’area assiro-mesopotamica, ha trasmesso un lascito forte e indelebile nelle civiltà successive; non solo ai popoli strettamente confinanti o conquistati.

 

Molte di queste civiltà furono capaci di mettere a frutto tale patrimonio. Ma in modo particolare il mondo islamico ne seppe utilizzare compiutamente l’eredità. Reinterpretandone, da una diversa prospettiva e con diverse finalità, l’arte, l’architettura e le scienze in genere, diede vita a quell'incredibile cultura che coinvolge, da oltre un millennio, più di un miliardo di abitanti del Pianeta.

 

 

Persepolis si differenzia da altre pubblicazioni sullo stesso argomento, perché offre l’inusuale punto di vista di un architetto su aspetti di carattere archeologico.

 

Il Palazzo di Dario   Capitelli di Persepolis    Delegazione degli Armeni    Vasi, sigilli e sculture 
Il Palazzo di Dario    Capitelli di Persepolis    Delegazione degli Armeni    Vasi, sigilli e sculture